Alloggio in Busca

  • alloggio in busca 4
  • alloggio in busca 1
  • alloggio in busca 3
  • gavio padre 4
  • alloggio in busca 2

Vendita 120.000,00€ euro - Appartamento
120 mq 3 Camere da letto 1 Bagno
 
 Aggiungi ai Preferiti
Stampa

Alloggio in Busca

Alloggio in Busca: vi proponiamo in vendita un alloggio al primo piano così composto : ingresso, corridoio, soggiorno, cucina, tre camere, cantina e solaio. Richiesta euro 120.000,00

http://www.comune.busca.cn.it/

Storia

Le origini di Busca risalgono almeno al periodo romano e i reperti archeologici rinvenuti nelle zone limitrofe sono numerosi: ritrovamenti di necropoli, di lapidi e di resti di mura sono la testimonianza del processo di romanizzazione del territorio. Le aree più interessanti dal punto di vista archeologico sono S. Martino e S. Quintino. Durante il periodo di dominazione romana, le villae che sorgevano sulle colline limitrofe all’attuale città, costituivano forse un nucleo chiamato Antilia.

Con le invasioni barbariche del IV – V secolo, la città fu distrutta e della “bella Antilia” rimasero soltanto dei fuscelli, da cui una possibile etimologia del nuovo nome: “Busca” (il termine potrebbe derivare dal piemontese “buscaja”, che sta a significare ramaglia, scheggia di legno[3], rimasuglio). Il suo nome, infatti, non è di chiara derivazione e ci sono diverse altre spiegazioni: l’origine preromana, quella latina oppure quella più attendibile, celtica, che lo identifica col termine germanico “busk”. Termine simile, con significato attinente, ovvero cespuglio, risulta essere il termine piemontese “bucc”; altro termine simile si riscontra, ad esempio, nella parola inglese “bush”, ossia cespuglio, ramoscello.

Le prime testimonianze scritte sulla cittadina risalgono al X secolo. Con il documento del 6 marzo 1123 viene sancito il dominio di Busca sulla valle Maira, parte del Saluzzese e Villafalletto. Benché anticamente parte della marca arduinica, divenne poi feudo di Bonifacio del Vasto, che lasciò Busca ed altri territori al figlio Guglielmo, capostipite dei marchesi di Busca e Lancia. Il marchesato viene schiacciato di lì a poco da Cuneo e da Saluzzo, mentre i marchesi trovano nuova fortuna in Sicilia alla corte di Federico II. Nel 1361 Busca passa sotto il controllo dei Savoia. Nel Cinquecento le vicende del Piemonte hanno effetti anche sulla storia della città di Busca, che vede il passaggio delle truppe spagnole (1536 -1552), poi nel 1557 (assedio di Cuneo) delle truppe francesi.

Lo sviluppo della città arriva con il nuovo secolo, quando le coltivazioni del grano, della vite e di altre piante da frutto permettono alla città di espandersi e di arricchirsi. A fine Seicento – inizio Settecento tornano i francesi, le occupazioni e le guerre conseguenti. Con un decreto di Carlo Emanuele III Busca viene dichiarata città. Durante la seconda guerra mondiale diversi bombardamenti distruggono la città. In particolare si segnala una mancata strage in quanto centinaia di bombe lanciate da migliaia di metri di quota finiscono nei campi e una zona scarsamente abitata appena fuori dal centro abitato, alcune case vengono colpite e sono segnalate vittime.

 

http://www.fiaip.it

Caratteristiche

Mappa

Altre Proprietà