News

Controlla gli aggiornamenti di mercato

La donazione immobiliare

ALLOGGI A FOSSANO

La donazione immobiliare

Verificare sempre se la casa che state per acquistare sia stata precedentemente donata al venditore.

E’ bene quindi conoscere cosa prevede la legge in caso di donazione e sulla possibilità che eventuali eredi del donante o il donante stesso possano richiedere la restituzione dell’immobile.

Gli eredi legittimari del donante  possono impugnare la donazione con l’esercizio dell’azione di riduzione (articolo  559 Codice  civile) entro dieci anni dalla morte del donante, quando la donazione lede la quota di eredità spettante per legge.

La Corte di Cassazione (Cassazione civile n. 965/2019) ha affermato che il terzo acquirente, passati 20 anni dall’atto di donazione, non è esposto alle «conseguenze di un eventuale vittorioso esercizio dell’azione di riduzione da parte dei legittimari del donante».

La Legge 80/2005 ha previsto che se sono  trascorsi 20 anni dalla data della donazione, la parte acquirente non corre alcun rischio e nessuna azione di restituzione può essere avanzata  da parte degli eredi legittimari  oppure dal donante e quindi l’immobile può  essere acquistato in sicurezza, indipendentemente che il donante sia ancora vivo o meno.

 Fino a che non sono trascorsi venti anni dalla donazione,  gli eredi legittimari possono esercitare l’azione di restituzione dell’immobile oggetto di donazione nei confronti dei terzi acquirenti dell’ immobile donato; il termine di  20 anni può essere prorogato con un atto di opposizione trascritto nei registri immobiliari.

Prima della morte del donante, l’ eventuale  rinunzia all’azione di riduzione da parte dei legittimari  sarebbe nulla per violazione del divieto dei patti successori (articolo  458 Codice civile); anche dopo la morte del donante,  rimane pur sempre il dubbio sulla presenza di legittimari non ancora noti (per esempio i figli nati fuori dal matrimonio).

Viene difficile trovare un acquirente per un immobile con il rischio dell’esercizio dell’azione di riduzione con la conseguente azione di restituzione oppure addirittura ottenere un mutuo su un immobile oggetto di una donazione.

Una soluzione potrebbe essere quella  di risolvere l’atto di  donazione, si trasferisce l’immobile al donante, la risoluzione potrà avvenire senza pagamento o con il pagamento di un corrispettivo, così il donante subito dopo lo alienerà.

Un’altra soluzione potrebbe essere quella della stipula di una polizza assicurativa a garanzia, che può essere stipulata già al momento della donazione, oppure al momento della vendita dell’immobile.

Secondo Capra Agente Immobiliare dal 1996 Viale Regina Elena 19 (primo piano) Fossano Cell. 3484409348